Pro Loco

Cammina Cammina 2016

Cammina Cammina ... verso i trent'anni. 

Ci siamo quasi la piccola camminata slow della Proloco di calosso si avvicina al suo trentesimo compleanno nel 2017. Per adesso ci accontentiamo di una tappa di avvicinamento, sempre con le stesso gusto della camminata ad occhi spalancati, lenta per poter guardare il paesaggio intorno, le vigne che in questa stagione stanno iniziando a dare il meglio della loro fioritura, le colline, le case, le biodiversità create negli anni dall'uomo. Il programma non si discosta da quelli degli anni precedenti.

Fritto misto

Se è vero e noto che la cucina Piemontese è ricca, varia, gustosa, piena di inventiva e ricca di grande tradizione, è altrettanto noto a tutto il mondo dei buongustai che alcuni piatti soprattutto stuzzicano fantasie ed evocano ricordi. Sono piatti unici dai sapori decisi, piatti con grande personalità, piatti completi buoni anche per sostituire un pasto intero. La “Bagna Caoda”, forse prima per originalità e tipicità in questa speciale classifica dei “must” della nostra cucina falsamente “povera”, è da tempo al centro delle opzioni culinarie della Proloco che la celebra nei fine settimana novembrini, già molto freddi e quindi particolarmente adatti allo scopo..

Cammina Cammina

Cammina Cammina non è una competizione e neppure, se vogliamo, una camminata come tante altre.. Per intanto ha un titolo che arriva da lontano.. Più di venti (forse trenta..) anni fa nei paesi dell’Astigiano e delle langhe non si facevano ancora camminate.. Si correva .. C’erano competizioni podistiche più o meno competitive e poi si correva anche in senso metaforico. C’era, allora, la grande illusione che bisognava sacrificare anche i tempi lenti della campagna sull’altare di non meglio identificato “progresso”. In quella stagione di corse verso un futuro (forse) “tecno” la Proloco di Calosso pensò di iniziare ad andare appena un po’ controcorrente..

Minestrone

Non “la solita minestra” ma un minestrone denso, saporito, preparato come si deve e come si faceva nella cucina povera piemontese e di altre regioni, con il soffritto, per dare più gusto.. Il tradizionale Minestrone detto “dello Sgravio” mescola e sapori e ricordi, suggerisce storie, riscalda se gustato in inverno o, durante la fiera del rapulè, in autunno, abbinato ad un barbera robusto.. Il suo nome singolare è i legato ad un fatto storico che risale al 1644 durante la seconda guerra spagnola.

Finanziera

Quando, dopo un piccolo rodaggio, la fiera del Rapulè si apprestava a diventare adulta, la Proloco, grazie all’intuizione di qualche consigliere (non ci ricordiamo più..) a pensato di riproporre la finanziera in una delle postazioni, dentro i “crutin”. Non era una proposta nuova in assoluto. Già anni prima, nelle edizioni invernali del “festival delle Sagre” nello scenario del Castello di Costigliole d’Asti, le cuoche della Proloco si cimentavano in questa complessa e tradizionale ricetta. Una piccola sfida perché la Finanziera è un piatto per palati allenati ai gusti della tradizione e nient’affatto omologati..

Calosso Village

 

Calosso Village nasce come portale di condivisione e di unione di tutte le associazioni di Calosso per promuovere il proprio territorio, i suoi prodotti e i suoi tesori......non finiremo di stupirvi.

Leggi tutto

 

 

 

Cookie Policy

Privacy Policy